Home > Americhe > Ecuador
Ecuador
Le isole Galapagos, un pellegrinaggio obbligato per tutti gli appassionati naturalisti. Soggiornare tra mura inca ai piedi del vulcano Cotopaxi. Cuenca, gioiellino coloniale tra fiori e cappelli di Panama.
Piccolo paese Sudamericano, incastrato tra costa oceanica, ande e giungla amazzonica, proprio a cavallo della linea dell’equatore. Meno eclatante e ricco archeologicamente del vicino Perù, la sua visita non può prescindere dalle famose isole Galapagos. Qui Darwin non a caso elaborò le sue teorie evoluzionistiche, un luogo in cui sembra che il tempo si sia fermato, e l’isolamento forzato abbia sviluppato specie uniche. Un vero parco giochi per naturalisti, tra iguana marine, terrestri, sule dalle zampe blu, e tartarughe giganti. Terre emerse laviche che si gettano in un oceano freddo, popolato da piccoli pinguini, si alternano a spiagge bianchissime e mari turchesi dove fare il bagno con tartarughe, mante e policromi pesci tropicali. E poi leoni di mare, tanti leoni di mare, con cui lanciarsi in balletti subacquei. E tanti vulcani, che con suggestive colate di lava fanno da palcoscenico a questa natura ricca e bizzarra. Se c’è un tratto che lega questo arcipelago alla terra di appartenenza sono proprio vulcani, spesso ancora attivi, che in Ecuador formano un vero e proprio viale, tra le città coloniali di Quito e Cuenca. Qui non ci sono rovine imponenti, ma è ancora possibile scoprire angoli speciali, come vecchie haciende in cui cenare tra antiche mura incas, o grandi vallate dove ancora radunano le proprie mandrie cowboys locali.
Clima ideale
Legenda: 1=clima peggiore / 5=clima ideale
gennaio
febbraio
marzo
aprile
maggio
giugno
luglio
agosto
settembre
ottobre
novembre
dicembre